top of page

Andrea Sellaroli e il suo brano "Prendere o lasciare" | MUSICA

Spesso i sogni sono meglio della realtà, è più difficile vivere”. Un testo diretto e senza edulcorazioni quello di ‘Prendere o lasciare’, nel quale il cantautore riflette i suoi pensieri e le riflessioni più amare. Un brano rappresentativo e autobiografico in cui si celano le fragilità spesso nascoste in un “dico che sto bene mentre dentro sto male” e in quella fiducia a volte concessa a chi poi la tradisce.

Andrea Sellaroli e il suo brano"Prendere o lasciare" | MUSICA

Una confessione in musica che ha tutta l’aria della liberazione dei propri stati d’animo tradotti in questa ballata che fa parte di quel progetto discografico di Andrea dal carattere riflessivo. La produzione è affidata a Max Marcolini, storico collaboratore di Zucchero, producer e chitarrista che è riuscito a decifrare il messaggio che Andrea voleva lanciare.


Andrea Sellaroli si affaccia al mondo musicale per pura passione, la sua vita si divide tra sport e note sul pentagramma. E’ infatti allenatore di Serie A di pallanuoto, ma riversa la sua parte più intimista nella musica. Inizia a suonare da giovanissimo, dapprima come tastierista nel gruppo del quale faceva parte. Il suo lato cantautorale ha però voglia di emergere e comincia così a scrivere i testi dei brani per il cantante del gruppo. Si trasferisce sulle colline del Chianti ed è proprio durante la permanenza nella campagna toscana che inizia a interpretare lui stesso i suoi brani. Il primo lavoro discografico che lo vede protagonista a tutto tondo si intitola ‘Welcome to my life’ ed è un excursus nella vita di Andrea che attraverso un viaggio simbolico ci fa entrare nel suo mondo e nei suoi stati d’animo più intimi.

Il movimento è la sua fonte d’ispirazione e non perde occasione per annotare pensieri fissandoli ‘sulla carta’ proprio durante i viaggi che spesso intraprende. Ogni sua canzone è rappresentativa di un momento della sua vita che è stato significativo e che spesso è identificato in una città.


10 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook
  • Instagram
bottom of page