• Sara Morandi

Gloria Enchill, cantante ed attrice, e’ la nuova Whoopy Goldberg

Gloria Enchill, attrice e cantante, ci racconta della sua esperienza nell’interpretare Oda Mae nel musical “Ghost”. Ovviamente, ispirarsi alla mitica Whoopy Goldeberg e’ stato fondamentale … E la parte del musical che la diverte di piu’? La scena della “banca” insieme a Sam perche’ – come ci dice – “E’ difficile esseri seri e il ritmo attoriale e’ incredibile”.


INTERVISTA A GLORIA ENCHILL

Cara Gloria, grazie per la tua disponibilità. Cosa ci racconti della tua esperienza con "Ghost"?


Ciao Sara, grazie a te! “Ghost” è stata e continuerà ad essere una delle esperienza più intense, impegnative e gratificanti della mia vita.

Un'opportunità che mi sta cambiando la vita in meglio, nonostante la situazione che stiamo vivendo.

È nato tutto in modo surreale … Grazie a Marzia Ginocchio e Gianmario Longoni che mi vennero a vedere in una delle repliche di "Sister Act" al teatro Politeama di Piacenza per la produzione de "I Viaggiattori".

Qualche giorno dopo rispetto a quell'occasione infatti, la Showbees mi propose di candidarmi per l'audizione nel ruolo di Oda Mae ... Ricordo un'audizione lunga e molto particolare ... Ma ho dato il meglio che potessi dare ... E beh, come è andata finire lo sappiamo tutti

Sicuramente la fase di allestimento di “Ghost” non è stata una passeggiata: il lavoro è stato costante, meticoloso e comunque impegnativo, sia fisicamente (ci sono alcuni momenti catartici dello spettacolo in cui per esempio Oda si cambia a scena aperta 4 volte, mentre nel frattempo balla e canta)

A livello musicale invece adoro tutti i brani di Oda ... Nasco come cantante Gospel e cantarli mi ha spesso fatto sentire "a casa".

Complessivamente posso dire che ogni momento di sconforto legittimo che ogni artista vive nella fase di ricerca del rapporto perfetto con il personaggio che deve interpretare, è stato comunque superato grazie in primis all'aiuto di tutte le persone meravigliose che mi hanno accompagnato in questo viaggio stupendo... e la soddisfazione più grande è stata senz'altro la risposta del pubblico già dalle prime repliche.

Quanto ti sei ispirata a Whoopy Goldberg per interpretare Oda Mae Brown?


Beh… Come NON ispirarsi ad Oda. Lei è un mostro sacro che seguo e ammiro da sempre, non solo come attrice, ma come donna ... La sua comicità è unica ... Whoopy e Oda sono donne forti, che provvedono per loro stesse e per le proprie famiglie con determinazione e coraggio ... E nel caso di Oda, anche un po' di "singolare ingegno". Il tutto accompagnato da una vena spettacolarmente ironica. La "mia" Oda si sviluppa sicuramente con queste premesse.


Qual e' la scena piu' bella di "Ghost" che hai interpretato?


Be' so che può sembrare scontato, ma sono parecchie le scene di Oda Mae che amo e faccio veramente fatica a sceglierne una … Ad ogni modo posso dire che l'iconica "scena della banca" é quella in cui io stessa faccio fatica a stare seria e per questo è una della mie preferite. È una scena particolarmente "ritmata" a livello attoriale in cui la cosa bella è che tanta energia dai per mantenere comunque alta la tensione e tanta ne ricevi dalle risate del pubblico ... Ed è uno scambio per cui mi emoziono sempre tanto e di cui mi sento profondamente grata.



288 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook
  • Instagram