• Angela Pensabene

Margherita Rebuffoni: "La mia Nadia, una iena Guerriera" | INTERVISTA

Margherita è prima di essere la mamma di Nadia, una donna che ha il cuore unico di una mamma.

In questa intervista abbiamo parlato di Nadia e del suo essere intimo, giocoso e sempre dalla parte degli "ultimi" .

La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene

Questa intervista mi ha particolarmente toccata, perché ho parlato con una mamma che ha saputo tratteggiare la figlia in un modo così delicato, spontaneo, allegro è pieno di tanti aneddoti che per dirgli tutti forse sarebbe necessaria una vita intera. Aver ascoltato le parole di questa donna, mi ha fatto assaporare quanto sia Tenero il vero amore di una mamma e che il dolore della stessa non lo può capire chi non lo prova.


D. Ciao Margherita, grazie per questa chiacchierata.

Dunque, la profondità del libro che Nadia ti ha affidato “Ti aspetterò tutta la vita” e che hai pubblicato è già nel titolo. Ti piacerebbe parlarcene?


R. C’è l’amore per Dio, per la vita, c’è l’amore per i più deboli e fragili, l’amore per i bambini e per tutto ciò che è il creato. Quindi un amore infinito! Questa è la profondità del libro, lei in tutti i suoi scritti alla fine ha colto un amore profondo.

La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene

D. Questo libro è l'ultimo regalo che Nadia ti ha Donato. Quanto amore trasudano le poesie presenti in esso?


R. Queste le ha dettate al suo telefono ed è la cosa che più mi commuove ogni volta che lo apro, ne leggo due o tre e mi commuovo troppo, quindi smetto ma poi le rileggo. Questo per me è un regalo immenso che mi ha lasciato insieme all’altro libro cioè Fate i bravi. Poi abbiamo anche altri testi, sono cose che dichiarano tutto l’amore che aveva per me, eravamo in simbiosi, io l’amavo da morire ma sono la mamma e anche lei aveva un amore profondo, tanto che mi preparò al “dopo” in quei due anni che sono stata con lei e tutti i giorni parlavamo del “poi". Mi insegnava a vivere e ad affrontare quello che sarebbe avvenuto; quindi per consolarmi mi diceva : <<Guarda che se ho da fare il Signore mi lascia qui, ma se non ho niente da fare, mamma ti devo lasciare ma tu non sprecare mai nulla della tua vita non piangere perché la vita è un dono preziosissimo e non puoi sprecare nemmeno un minuto. Ti sarò vicina sempre!>>

La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene

D. Ricordo ancora l'annuncio dato nei telegiornali dell'estate 2019 E che mi ha scossa profondamente. Nadia amava tanto la vita che penso voglia essere ricordata così. Ma com'era fuori dagli schermi?


R. Semplicissima era la mia dolcissima Nadia piccolina. Lei era sempre buona e dolce con tutti, non poteva vedere differenze o che qualcuno si approfittasse dei più deboli e dei più fragili. È sempre stata così. Anche quando andava al lavoro a volte tornava abbacchiata, perché aveva visto delle cose che non le piacevano e faceva di tutto per cambiare quello che poteva. Ci ha provato coi suoi social è stata aggredita, gliene hanno dette di tutti i colori ma lei se ne strafregava qualche volta li ha educati, altre volte mi diceva: <<Mamma lascia perdere sono persone che stanno peggio di noi. Quindi lascia perdere>>. Fuori dagli schermi era una ragazza semplicissima, accoglieva tutti si fermava con tutti, non poteva fare due passi che si fermava a fare foto a parlare e ascoltare la gente. Questa era Nadia.

La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene

D. Se tu potessi per dei minuti avere l l’occasione di parlarle ancora, cosa vorresti dirle che non le hai detto?


R. Penso di averle detto tutto! Quello che avrei voluto fare era abbracciarla e baciarla di più, ma sapevo che lei non era così. Era lei a chiamarmi, era lei a chiedermi di baciarla e di accarezzarle la testa, io non osavo farlo senza che lei me lo chiedesse perché era molto riservata in questo punto lei era una forte o meglio si faceva forte, avrei voluto poterla baciare e stringere. L’ho fatto tanto tanto ma non potevo esagerare.

La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene

D. In ultima battuta, hai un aneddoto buffo su Nadia che ti piacerebbe raccontare?


R. Nadia era un Gioppino, era simpaticissima, pensa mi prendeva in giro non sai quante volte quando volevo fare anch’io la Iena. Lei mi guardava e mi diceva :<<Mamma la iena sono io piantala mi fai venire da ridere>>. Quando c’era lei era vita! Anche con le sue sorelle e nipoti quando ci trovavamo insieme, era tutto un parlare urlare con la voce alta ed era così! Lei portava il sole! Ne ha combinate tante, pensa lei si è rotta le gambe coi pattini scendendo le scale, voleva provare com’era la sensazione a portare il gesso, era piccina aveva 7-8 anni, si è poi spaccata il gesso tirando calci al pallone con dei suoi amichetti del giardino, fortunatamente era giovane le ossa si sono sistemate. Mamma mia se ci penso! Un altro ancora, eravamo su una pista a sciare e lei era con la sorella aveva perso lo skilift, allora la sorella le disse di tornare indietro e di riprenderlo, ma lei non è tornata indietro dalla pista è tornata indietro dallo skilift e nessuno è riuscita ad afferrarla. Io ero lì che guardavo con il cuore che mi si era fermato. Era una temeraria! Oppure quando andò davanti all’Isis dicendomi che aveva interpellato il Ministero degli Interni di non preoccuparmi. Io non ho mai dormito in quei giorni 15 giorni, col pensiero che me la rapissero quella ragazzina bionda bella. Quando lei tornò mi racconto tutto loro erano andati senza chiedere nessun permesso e avevano fatto un reportage bellissimo tanto che vinse il premio Ischia, il premio internazionale giornalistico, che viene dato a pochissime donne, Penso sia stata la terza ed anche la più giovane. Lo ha ricevuto nel 2015 e io ce l’ho qui lei era orgogliosa di questo ma non se la tirava ha fatto, Erano gli altri che glielo ricordavano, sono io che ne parlo di più lei non l’ha mai fatto.

Una cosa che mi piace ricordare e dirlo a tutti i lettori e la Fondazione che abbiamo creato e porta il nome di Nadia, per raccogliere fondi attraverso libri, magliette, gadget e canzoni per dare soldi alla ricerca. Perché tutte le persone con cui abbiamo parlato non hanno i soldi per affrontare questa malattia. Perché questo tumore sta dilagando ed è molto feroce; ricordo che lei ha subito 5 operazioni e non è servito a nulla. Noi si fa tutto il possibile per la ricerca e credimi è atroce pensare che un genitore sopravvive al proprio figlio non devo pensare a quei due anni in cui l’ho visto soffrire, devo pensare a lei felice che dipinge che canta, perché se pensassi a Nadia com’è che non c’è più o a tutte le sofferenze che ha passato per me è come una coltellata al cuore.


Link:


https://www.fondazionenadiatoffa.it/


La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene
La mia Nadia, una iena Guerriera | Angela Pensabene




715 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook
  • Instagram