• Angela Pensabene

Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni

Lorenzo è un'artista che sin da piccolo si è mosso con disinvoltura e incanto nel mondo dello spettacolo. Oggi è un autore di canzoni apprezzato nel mondo musicale da tanti artisti. In questa intervista, ho conosciuto un ragazzo dall'animo pulito che, sa mettere in versi melodie che vanno oltre le note e che sanno toccare il cuore e il suo sentire.

Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene
Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene

Tu sei definito il nuovo poeta musicale del millennio. Cosa provi nell’avere una così importante responsabilità?


Per me è troppo onerosa come definizione, sicuramente non me la sento troppo addosso; provo a scrivere canzoni se poi piacciono, ecco quella è la cosa che mi fa più piacere.

Il tuo talento è stato notato da artisti come la Vanoni a cui hai scritto 8 brani per il disco Meticcio ma anche da Renato Zero, Laura Pausini, Raphael Gualazzi, Emma e altri ancora. Se potessi esprimere una richiesta con chi vorresti nuovamente collaborare ecco chi invece ti piacerebbe farlo?


Con tutti loro. In realtà, mi sono trovato sempre bene con gli artisti con cui ho collaborato e questa non è una cosa diplomatica. Con molti di loro infatti, c’è un affetto personale molto forte e sicuramente mi piacerebbe tornare a collaborare con loro, è come dico sempre, in realtà non c’è mai un desiderio per chi scrivere, so che potrebbe sembrare una frase diplomatica, però mi piacerebbe scrivere per tutti quelli che fanno questo mestiere con amore e dedizione. Poter accompagnare, scrivendo una canzone per me è sempre un grande piacere.

Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene
Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene

Tu hai firmato la colonna sonora del film Puoi fidarti di me che ha interpretato Giovanni Caccamo, e Saremo giovani e bellissimi di questo hai ottenuto una candidatura al Nastro d’argento come migliore canzone originale. Potresti dirci come sono nate quelle collaborazioni?


Ecco, Puoi fidarti di me è un brano che avevo scritto diversi anni fa e poi per casualità lo feci sentire a Giovanni Caccamo, che tra l’altro è pure un mio caro amico, con lui ci conosciamo da tantissimo, e subito fu entusiasta. La registrò personalizzandola e da lì ricordo che, mi chiamò qualche mese dopo perché lo avevano contattato per questa colonna sonora, quindi devo dire che per me è stata pure una sorpresa. Anche nell’altro caso, cioè Saremo giovani e bellissimi, si tratta di questa bellissima melodia che avevo sentito e che era stata scritta da Matteo Buzzanca e da Domenico Calabrò, che Matteo mi aveva fatto sentire per caso. Mi ricordo che me ne ero innamorato e insistetti per scrivere un testo, anche perché mi ero ispirato molto alla storia di una puntata di Black Mirror, che faceva spaziare da un’epoca all’altra e a me piaceva molto questa idea di rimanere sempre giovani e bellissimi. Era rimasta una canzone così, poi qualche mese dopo, venne scelta per quel film che, ancora era in lavorazione e non aveva un titolo; quindi mi ha fatto piacere che il titolo della canzone sia diventato anche quello del film. Questa per me è stata una doppia soddisfazione.

Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene
Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene

Tu hai vinto il premio SIAE autori under 30. Come stato per te ricevere questo premio?


Bellissimo, è stato un onore immenso anche perché c'erano tantissimi altri autori della mia generazione, per altro bravissimi e che stimo, quindi penso che sia una bella responsabilità averlo vinto. Sinceramente premi del genere fanno molto piacere però ovviamente lasciano il tempo che trovano, quello che conta è la soddisfazione personale, Nel senso che con esso viene gratificato il tuo lavoro.


Nel 2015 e nel 2018 hai pubblicato due dischi inediti Il viaggio prodotto da Jacopo Pinna e L'aria di casa. Se tu dovessi scegliere tra l’essere autore per altri e scrivere testi per te stesso opteresti per una di esse. Hai altre creazioni in programma, ce ne vorresti parlare?


Sinceramente no, nel senso che mi piacciono entrambi e sono due binari che considero molto paralleli e molto vicini. Però diciamo che, mentre scrivere per altri è il fulcro della mia vita ed è l’occasione per spaziare di dimensione, nel senso che scrivo per cantanti diversi tra loro nel genere che fanno, su di me invece è come un’ora di ricreazione, dove mi prendo delle libertà nello scrivere delle cose prettamente personali. Ovviamente non sarebbe giusto farle cantare ad altri artisti. Per cui queste due attività le considero parallele, e mi piacciono entrambe tanto. Nell’imminente, venerdì 5 febbraio è uscito un mio nuovo singolo che si chiama Inverno e che anticipa l’uscita del disco che sarà il 26 febbraio. Quindi questo è un periodo bello intenso, ovviamente anche sul fronte autorale, ci sono tante canzoni che sto continuando a scrivere.

Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene
Lorenzo Vizzini: il giovane autore apprezzato da Renato Zero alla Ornella Vanoni | Angela Pensabene

Tu sei di origine siciliana; quando eri piccolo sei stato un bambino prodigio per il programma Bravo bravissimo. Quanto della tua sicilianità e di quel bambino sono rimasti in te?


Tantissimo della mia sicilianità, il 99%, quel l'1% è una contaminazione di tutti i luoghi del mondo che ho visitato. Però la Sicilia, e Ragusa la mia città natale nello specifico, me la porto anche nell’accento essa non è mai andata via, poi ovviamente nell’anima me la tengo in maniera molto forte. Sotto quel punto di vista non penso sia cambiato nulla, anzi in qualsiasi occasione penso spesso a quando ci potrò tornare. Di quel bambino, devo essere onesto è rimasto moltissimo, magari ovviamente non nella vita che faccio, quella è cambiata tantissimo, ma a livello interiore penso che di quel bambino mi si è rimasto tanto. Infatti, così come da bambino facevo delle cose per gioco, fino ad oggi che ciò che compongo è di professione, essa per me è la cosa che mi fa più piacere. Infatti essa ha conservato quell’incanto del divertirsi e del potersi esprimere con quello stupore tipico di un bambino.


52 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook
  • Instagram