top of page

Weekend al cinema con "Bombshell- La voce dello scandalo" | Recensione a cura di Jessica Gori

Titolo: Bombshell- La voce dello scandalo


Regia: Jay Roach


Cast: Charlize Theron, Nicole Kidman, Margot Robbie, Allison Janney, John Lithow, Kate McKinnon


Trama: Megyn Kelly, volto di spicco del canale americano Fox News, viene scelta dal presidente della rete Roger Ailes come mediatrice durante il dibattito pre-elettorale del candidato alla presidenza degli Stati Uniti Trump, il quale, dopo alcune domande scomode della giornalista, le rivolge insulti pubblici.

Questo dà il coraggio alla donna di aiutare la collega Gretchen Carlson, licenziata perché non aveva accettato avances da parte di Ailes, a portare avanti la sua battaglia contro le ingiustizie e le molestie sul lavoro, iniziata proprio con una denuncia contro il suo capo.


Recensione: Il film è uscito nel 2019, due anni dopo la nascita del movimento femminista Me Too, che ha sconvolto l'industria cinematografica, ma racconta fatti accaduti un anno prima di quello, quando le giornaliste Carlson e Kelly hanno attuato una rivoluzione all' interno di una delle emittenti più seguite del network creato dal magnate Rupert Murdoch.

Lo scandalo che ha travolto Roger Ailes ha spinto molte donne a rivelare i ricatti a sfondo sessuale perpetrati dall'uomo.

Per molte, però, che hanno deciso di denunciare, altre hanno preferito tacere o rimanere neutrali.

Quello che viene descritto è il lato oscuro del potere, che riesce ancora in molti casi ad avere il sopravvento su persone che accettano qualsiasi tipo di compromesso pur di far carriera o che mettono avanti le loro paure piuttosto che i loro diritti.

Sembra far parte di queste anche Kayla, interpretata da Margot Robbie, nominata per questo ruolo agli Oscar: interagisce poco con le protagoniste, è l'ultima arrivata in redazione, ma la sua sarà un' evoluzione importante.


Voto: 7 1/2

Weekend al cinema con "Bombshell- La voce dello scandalo" | Recensione a cura di Jessica Gori

6 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook
  • Instagram
bottom of page